Menù

Aforismi e citazioni di Joseph Ernest Renan

joseph ernest renan

Aforismi e citazioni di Joseph Ernest Renan

 

Uomini mediocramente morali hanno scritto eccellenti massime; invece uomini virtuosissimi nulla fecero per far durare la tradizione della virtù.

La nostra razza non iniziò affatto con il gusto dell’agio e degli affari. Fu una razza morale, coraggiosa, guerriera, gelosa della libertà e dell’onore, amante della natura, capace di dedizione, preferendo molte cose alla vita. Il commercio, l’industria sono stati esercitati per la prima volta su grande scala da popoli semitici, o che almeno parlavano una lingua semitica, i Fenici. Nel Medio Evo, anche gli Arabi e gli Ebrei furono tra i nostri maestri in fatto di commercio. Tutto il lusso europeo, dall’Antichità fino al XVII secolo, è arrivato dall’Oriente. Dico il lusso e non l’arte; c’è l’infinito tra uno e l’altra.

I dogmi più cari ai fedeli, quelli che saranno adottati con maggior frenesia, saranno i più ripugnanti alla ragione.

L’islamismo può esistere solo come religione ufficiale; quando lo si ridurrà allo stato di religione libera e individuale, perirà. L’islamismo non è solo una religione di Stato, come è stato il cattolicesimo in Francia sotto Luigi XIV, come lo è ancora in Spagna, è la religione che esclude lo Stato. Là risiede la guerra eterna, la guerra che cesserà solo quando l’ultimo figlio d’Ismaele sarà morto di miseria o sarà stato relegato dal terrore in fondo al deserto. L’Islam è la più completa negazione dell’Europa; l’Islam è il fanatismo, come la Spagna dell’epoca di Filippo II e l’Italia dell’epoca di Pio V hanno conosciuto appena; l’Islam è il disdegno della scienza, la soppressione della società civile; è la spaventosa semplicità dello spirito semitico, che restringe il cervello umano, chiudendolo a ogni idea delicata, a ogni sentimento fine, a ogni ricerca razionale, per metterlo di fronte a una eterna tautologia: Dio è Dio.

La natura ha fatto una razza di operai. È la razza cinese di una abilità manuale meravigliosa, senza quasi alcun sentimento d’onore; governatela con giustizia prelevando da essa, tramite tale governo, una ampia sopraddote a beneficio della razza conquistatrice: essa sarà soddisfatta; una razza di lavoratori della terra, è il nero : siate per lui buono e umano, e tutto sarà nell’ordine; una razza di padroni e di soldati è la razza europea. Che ognuno faccia quello per cui è fatto e tutto andrà bene.

Le debolezze dello spirito umano non ingenerano che debolezza; le grandi cose hanno sempre le loro grandi cause nella natura dell’uomo, benché si producono spesso con un corteo di piccolezze, che per le menti superficiali ne offuscano la grandezza.

La stupidità umana è l’unica cosa al mondo che possa dare l’idea dell’infinito.

Posso morire quando voglio: questo è il mio elisir di vita.

Se Dio vedesse le rappresentazioni che gli uomini si fanno di lui, ne proverebbe sgomento.

Nelle nostre civiltà affaccendate, la memoria della libera vita di Galilea è rimasta come il profumo d’un altro mondo, come una rugiada dell’Hermon, grazie alla quale la siccità e la volgarità non hanno invaso tutto quanto il campo di Dio.

Oh Signore (se c’è un Signore), salvate la mia anima (se ho un anima).

Bisogna profondamente distinguere le società come la nostra, in cui tutto accade nel pieno giorno della matura riflessione, dalle società ingenue, credule, in cui nacquero le credenza, che dominarono i secoli.

 

un autore a caso