Menù

Aforismi e citazioni di Arthur Schnitzler

arthur schnitzler

Aforismi e citazioni di Arthur Schnitzler

 

Dell’amore ci accorgiamo spesso troppo tardi, se un cuore ci è stato dato solo in prestito, se ci è stato donato oppure se addirittura ci è stato sacrificato.

I tre criteri di un’opera d’arte: armonia, intensità, continuità.

Nel cuore di ogni aforisma, per quanto nuovo o addirittura paradossale esso possa apparire, pulsa un’antichissima verità.

La verità si troverebbe nel mezzo? Nient’affatto. Solo nella profondità.

Nessun viso è brutto se i suoi tratti esprimono la capacità di una vera passione e l’incapacità di una menzogna.

Se ti senti disposto a essere conciliante, chiediti soprattutto che cosa ti rende in realtà così indulgente: una cattiva memoria, la comodità o la codardia.

Chi sono i nostri peggiori nemici? Gli sconosciuti che hanno il sospetto di quanto li disprezzeremmo se li conoscessimo.

Quando l’odio diventa codardo, se ne va mascherato in società e si fa chiamare giustizia.

Credo alla tua saggezza solo se viene dal cuore, credo alla tua bontà solo se viene dalla ragione.

L’umanitarismo come idea politica è un luogo comune, come idea religiosa un equivoco, come idea etica un’illusione.

È facile scrivere i propri ricordi quando si ha una cattiva memoria.

I tuoi peggiori nemici non sono affatto coloro che hanno un’opinione diversa dalla tua, bensì coloro che concordano con te, ma che per motivi diversi, per prudenza, prepotenza, viltà non sono in grado di professarsi di quell’opinione.

Essere dilettante significa non essere degno delle proprie trovate, ma esserne orgoglioso.

Le virgolette non sono spesso altro che un pigro pretesto per mezzo del quale l’autore cerca di addossare al cattivo gusto dei suoi contemporanei la responsabilità per una banalità che gli sfuggì dalla penna.

É difficile decidere quando la stupidità assume le sembianza della furfanteria e quanto la furfanteria assume le sembianze della stupidità. Perciò sarà sempre difficile giudicare equamente i politici.

La cosa migliore che due amanti possono diventare nel corso del tempo è questa: surrogati dei loro sogni o simboli del loro desiderio.

Una donna chiede volentieri consiglio al marito se non altro per ignorarlo.

Ciò che logora le nostre anime nel modo più rapido e peggiore possibile è perdonare senza dimenticare.

Guardati dalle persone modeste: non immagini con quale commosso orgoglio coltivano le loro debolezze.

Siamo diventati del tutto confusi e insicuri a causa delle molteplici esperienze che siamo costretti a fare prima del matrimonio.

C’è forse una persona rispettabile che in una qualsiasi ora felice pensi nel profondo dell’animo a qualcos’altro?

Miserabile chi vive non la propria vita ma la propria autobiografia.

 

un autore a caso