Menù

Aforismi e citazioni di Arthur Conan Doyle

arthur conan doyle

Aforismi e citazioni di Arthur Conan Doyle

 

Tutti gli altri uomini sono degli specialisti, ma la sua specialità è l'onniscienza.

Non faccio mai eccezioni. Un'eccezione dimostra la falsità della regola.

Senza immaginazione, la paura non esiste.

Non c'è nulla di più innaturale dell'ovvio.

Un cliente per me è una mera unità, un fattore in un problema.

Il crimine è una cosa comune. La logica è rara. Tuttavia è sulla logica che dovresti insistere.

Lo studio dei ritratti di famiglia è sufficiente per convertire un uomo alla dottrina della reincarnazione.

È stato a lungo un mio assioma che le piccole cose sono infinitamente le più grandi.

"Sono incline a pensare", dissi. "Io lo farei", osservò Holmes spazientito.

Alcuni fatti dovrebbero essere soppressi o, almeno, bisognerebbe osservare un giusto senso delle proporzioni nel trattarli.

Voi conoscete il mio metodo: si basa sull'osservazione dei dettagli.

La singolarità è quasi invariabilmente un indizio. Quanto più un crimine è banale e comune, tanto più difficile è comprenderlo.

Siamo abituati al fatto che gli uomini disprezzino ciò che non comprendono.

Il lavoro è il miglior antidoto alla tristezza.

Una volta eliminato l'impossibile ciò che rimane, per quanto improbabile, dev'essere la verità.

Ciò che un uomo può inventare, un altro può scoprire.

È un errore gravissimo quello di formulare ipotesi prima di avere tutti gli indizi. Distorce il giudizio.

In nove casi su dieci la statura di una persona si può calcolare dalla lunghezza del suo passo.

"Cocaina", rispose "una soluzione del sette per cento. Vuole provarla?"

"Andiamo, signore!", disse. "Le cose non stanno esattamente così. Come ha fatto la lettera a tornare nella valigia?"
Holmes, sorridendo, evitò lo sguardo scrutatore di quegli occhi tanto espressivi.
"Anche noi abbiamo i nostri segreti diplomatici", rispose e, preso il cappello, si avviò alla porta.

"[...] Quelle vaghe impronte sull'erba, andavano verso la casa o ne tornavano?"
"Impossibile dirlo. Non erano delineate."
"Un piede grande o piccolo?"
"Non si distingueva."
Holmes ebbe un'escamazione di impazienza.
"Da allora, ha piovuto a catinelle e il vento sembrava un uragano", disse. "Ora, saranno ancora più difficili da decifrare del mio palinsesto. Bè pazienza! Cosa ha fatto, Hopkins, dopo essersi accertato di non aver accertato niente?"

Le regole della deduzione [...] mi sono preziose nell'aspetto pratico della mia professione. Lo spirito d'osservazione è per me una seconda natura.

"(...) porti con sé una leva per scasso, una lanterna cieca, uno scalpello e una rivoltella. S. H." Bell'equipaggiamento per un cittadino rispettabile da portarsi addosso attraverso strade buie ammantate dal nebbione!

"Senta, Watson" mi sussurrò "avrebbe paura di dormire nella stessa stanza con un pazzo, con un uomo che soffre di rammollimento cerebrale, con un idiota la cui mente ha perduto ogni energia?"
"Nemmeno per sogno" risposi sbalordito.
"Ah, meno male!" Disse, e per quella notte non fu possibile cavargli altro.

È una vera fortuna per la comunità che io non sia un criminale.

Questi massacri finiscono invariabilmente con una festa cannibalesca. Che persone deliziose, Watson!

È uno strano fisico, il mio. Non ricordo di essermi mai sentito stanco per il lavoro, e invece l'ozio mi sfinisce.

Come ho già avuto occasione di farle notare, tra il grottesco e l'orribile non vi è che un passo.

Non fu però il padre ad accorgersi per primo che la bambina si era trasformata in donna. Raramente accade. Quel mutamento misterioso è troppo sottile e troppo graduale per poterlo misurare in base alle date. E la fanciulla stessa lo ignora più di chiunque altro, fino a quando un'intonazione di voce o il tocco di una mano le fanno balzare il cuore in petto e capisce, con un misto di orgoglio e di timore, che una nuova, più ampia natura si è risvegliata in lei. Pochi dimenticano quel giorno, o non rammentano il banale incidente che annunciava l'alba di una nuova vita.

L'amore che gli era sgorgato nel cuore non era l'improvviso, mutevole capriccio di un ragazzo ma la selvaggia, focosa passione di un uomo dalla volontà forte e dal carattere imperioso.

Dovessi mai sposarmi, Watson, voglio sperare di riuscire a ispirare a mia moglie sentimenti tali che le impedirebbero di lasciarsi portar via docilmente da una governante qualora il mio cadavere giacesse a pochi metri.

"Non c'è nulla per cui la deduzione sia così necessaria come nella religione", disse appoggiandosi con la schiena alle persiane. "Un individuo raziocinante può costruirla come una scienza esatta. Ma ritengo che siano i fiori che, più di ogni altra cosa, ci confermano la bontà della Provvidenza. Tutto il resto, poteri, desideri, nutrimento, sono indispensabili alla nostra esistenza. Ma questa rosa è un di più Il suo profumo e i suoi colori sono un abbellimento, non una condizione essenziale della vita. Ed è solo la bontà che ci concede il di più; ripeto, quindi, che abbiamo molto da sperare dai fiori".

Il mondo è pieno di cose ovvie che nessuno si prende mai la cura di osservare.

un autore a caso