Menù

Aforismi e citazioni di Alfred Tennyson

alfred tennyson

Aforismi e citazioni di Alfred Tennyson

 

Lo tengo per vero, qualsiasi cosa accada.
Lo sento quando più io soffro:
È meglio aver amato, e perso
Che non aver mai amato.

Il tintinnio della ghinea cura la ferita che l'Onore risente.

Parevami di muovere in un mondo di fantasmi, e di sentir me stesso l'ombra di un sogno.

Non può farsi degli amici chi non si è mai fatto un nemico.

Amore, fuoco una volta mi trasse con un sol, lungo bacio tutta l'anima di tra le labbra, così come il sole beve la rugiada.

O amore, o fuoco!
Una volta lui con un lungo bacio
m'aspirò l'anima attraverso le labbra
come i raggi del sole bevono rugiada.

La causa della donna è quella dell'uomo: s'innalzano o cadono. Insieme.

Oh dille, la vita è breve ma l'amore è lungo.

Dobbiamo per forza amare le cose somme quando le vediamo.

La donna è così implacabile con la donna.

La conoscenza arriva, ma la saggezza tarda.

Credendo ove non possiam provare.

L'autorità dimentica un re morente.

Un pidocchio nella chioma della letteratura.

Sono l'erede di tutte le ere, nei primi ranghi del tempo.

Tu hai creato l'uomo, lui non sa perché.

Vive più fede nell'onesto dubbio, credimi, che in metà delle religioni.

Meglio cinquant'anni d'Europa che un ciclo del Catai.

La mia forza è come la forza di dieci uomini, perché il mio cuore è puro.

Gli stessi Dei non possono revocare i loro doni.

Tieniti al lato più luminoso del dubbio.

Luminoso e crudele e volubile è il Sud, e scuro e fedele e tenero è il Nord.

La Natura, rossa di zanne e d'artigli.

Perfettamente imperfetta, gelidamente regolare, splendidamente nulla, morta perfezione, nulla di più.

Il tempo, un pazzo che sparpaglia della polvere, e la vita, una furia che butta fiamme.

Parevami di muovere in un mondo di fantasmi e di sentir me stesso l'ombra di un sogno.

Tu hai creato l'uomo, lui non sa perché.

Ah, che un uomo insorga in me, perché l'uomo che sono possa cessar di essere!

Berrò la vita fino alla feccia.

Quell'eterna mancanza di soldini che tormenta gli uomini pubblici.

Perché l'uomo è uomo e padrone del suo fato.

È preferibile l'aver amato e aver perso l'amore al non aver amato affatto.

Non si fa degli amici chi non si è mai fatto un nemico.

Dormi dolcemente, tenero cuore, in pace.

Non ha amici l'uomo che non si è mai fatto dei nemici.

Io sono una parte di tutto quello che incontrerò...

un autore a caso